Chirurgia di Peyronie, procedura per trattare un pene storto •

La chirurgia è generalmente l'ultimo passo nel trattamento della malattia di Peyronie. Ma questo metodo è considerato il modo più efficace per migliorare la curvatura del pene. Quindi, a quali procedure chirurgiche potresti sottoporti per la malattia di Peyronie? Quali sono le cose che devi preparare prima e dopo l'intervento? Dai un'occhiata alla seguente recensione.

Tipi di chirurgia della malattia di Peyronie che devi conoscere

La malattia di Peyronie o La malattia di Peyronie Ciò che gli uomini sperimentano può far piegare il pene durante l'erezione, questa condizione può causare dolore, dolore e difficoltà durante il rapporto sessuale. I disturbi del pene possono essere permanenti e peggiorare, il che può portare alla disfunzione erettile (impotenza).

La chirurgia per la malattia di Peyronie è generalmente raccomandata per rimuovere la placca o riallineare un pene che si piega durante l'erezione. Ci sono tre tipi di chirurgia che puoi eseguire, vale a dire pieghe, incisioni e innesti e impianti penieni.

1. Pieghe

Questo intervento chirurgico può essere eseguito dai medici utilizzando due metodi. Innanzitutto, il medico taglierà una piccola quantità di tessuto nell'area non cicatrizzata e la cucirà. In secondo luogo, il medico piegherà il lato del pene che non è interessato dalla placca e lo rimuoverà con un filo chirurgico. Entrambi questi metodi produrranno la condizione del pene maschile all'indietro.

Il rischio di sanguinamento postoperatorio e impotenza tende ad essere minore. Tuttavia, gli effetti collaterali di questo intervento possono essere la riduzione delle dimensioni del pene. Quindi questa azione è più raccomandata negli uomini con una dimensione del pene abbastanza lunga o che sperimentano solo una leggera curvatura del pene senza disfunzione erettile.

2. Incisione e innesto

Questa procedura viene generalmente eseguita quando la malattia di Peyronie è abbastanza grave da influenzare la capacità di avere un'erezione e fare sesso. Il medico taglierà (inciderà) e rimuoverà qualsiasi tessuto cicatriziale o placca sull'asta del pene, permettendo al pene di allungarsi e raddrizzarsi di nuovo.

Quindi, il medico eseguirà un innesto di tessuto (innesto) utile per chiudere il foro nel tunica albuginea pene. Il tessuto corporeo del paziente, il tessuto umano o animale oi materiali sintetici possono essere il mezzo di innesto in questa procedura chirurgica.

Anche se non rende il tuo pene più corto di prima, questa procedura di incisione e innesto può aumentare il rischio di disfunzione erettile o impotenza del 10-50%, a seconda della circolazione del pene dopo l'intervento.

3. Protesi peniene

Un impianto penieno è un dispositivo posizionato all'interno dell'asta del pene che consente agli uomini con disfunzione erettile di ottenere un'erezione completa. Generalmente, questo è l'ultimo passo dopo che tutti i trattamenti per la disfunzione erettile hanno fallito.

Nel caso della malattia di Peyronie, questa procedura può essere presa in considerazione se il paziente ha anche una grave disfunzione erettile. Citato dalla Mayo Clinic, ci sono due tipi di protesi per il pene che puoi usare, vale a dire: semirigido e gonfiabile .

Tipo di impianto semirigido quelli permanenti che il più delle volte puoi piegare e piegare manualmente durante il rapporto sessuale. Nel frattempo, impiantare gonfiabile utilizzerà una pompa situata nello scroto che può gonfiare e sgonfiare secondo le vostre esigenze.

Inoltre, la procedura di impianto del pene verrà solitamente eseguita in combinazione con uno degli altri due tipi di chirurgia della malattia di Peyronie per rimuovere il tessuto cicatriziale o la placca.

Cosa dovresti preparare prima dell'intervento?

Prima di sottoporsi a un intervento chirurgico per curare la malattia di Peyronie, dovresti consultare un urologo per scoprire quali procedure o altre azioni sono più adatte. La chirurgia è generalmente raccomandata dai medici solo quando:

  • i sintomi non sono migliorati
  • dolore durante l'erezione, i rapporti sessuali o entrambi, e
  • La curvatura del pene rende difficile fare sesso.

I medici raccomandano di non sottoporsi a un intervento chirurgico fino a quando questa condizione non entra nella fase cronica. Ciò significa che il tessuto cicatriziale o la placca non crescono più, la curvatura del pene si stabilizza e il dolore inizia a diminuire per almeno i successivi 9-12 mesi.

Prima dell'intervento, il medico può controllare il flusso sanguigno nel pene iniettando farmaci per un'erezione temporanea. Il medico eseguirà un esame fisico o utilizzerà un'ecografia (ecografia) per vedere l'interno del pene.

Questi test aiuteranno a mostrare se ci sono sintomi di disfunzione erettile che colpiscono il tuo pene oltre alla malattia di Peyronie. In questo modo, il medico può decidere quale intervento chirurgico è appropriato per la sua condizione.

Cosa succede dopo l'intervento chirurgico per la malattia di Peyronie?

Durante la procedura chirurgica, un catetere verrà inserito nella vescica attraverso la punta del pene e rimarrà in posizione fino al risveglio. Puoi rimuovere il catetere nella sala di risveglio solo quando ti è permesso di tornare a casa quel giorno o il giorno successivo.

Ogni procedura chirurgica della malattia di Peyronie utilizzerà un diverso tipo di anestesia. Durante l'intervento di piegatura, ti verrà somministrato un anestetico locale con una durata dell'operazione di circa 1 ora. Di solito non è necessario il ricovero e si può tornare subito a casa.

Nel frattempo, le operazioni di incisione e innesto e gli impianti penieni possono richiedere più tempo. Entrambe queste operazioni utilizzano l'anestesia generale o l'anestesia epidurale e il tempo dell'operazione richiede dalle 3 alle 4 ore. Potrebbe anche essere necessario il ricovero in ospedale prima di poter tornare a casa.

Quali cose aiutano con il recupero dopo l'intervento chirurgico alla malattia di Peyronie?

Dopo l'intervento di solito sentirai ancora dolore nell'area intorno al pene. Il medico prescriverà farmaci antidolorifici per ridurre il dolore e il gonfiore, nonché antibiotici che dovrai assumere per alcuni giorni per ridurre il rischio di infezione.

A seconda dell'intervento, puoi tornare al lavoro da 2 a 3 giorni per pieghe e incisioni e innesti, anche da 2 a 3 settimane per gli impianti penieni. Puoi anche riprendere i rapporti sessuali dopo 4-8 settimane o come indicato dal tuo medico.

Dopo essere tornati a fare sesso, assicurati di evitare il rischio di lesioni del pene, che è uno dei fattori di rischio per la malattia di Peyronie. Alcune cose che tu e il tuo partner potete fare sono le seguenti.

  • Il medico prescriverà un tonico orale, come sildenafil, tadalafil o vardenafil se soffri di disfunzione erettile o altri disturbi sessuali. La condizione del pene che è meno rigida durante il sesso può provocare lesioni del pene.
  • Utilizzare lubrificanti adeguati durante l'attività sessuale.
  • Se il pene si stacca durante il rapporto sessuale, l'uomo o il partner devono usare le mani per reinserirlo.
  • Fai attenzione o dovresti evitare posizioni sessuali che aumentano la probabilità di un pene storto, come la posizione della donna sopra il tuo corpo (donne in cima).

Anche dopo l'intervento chirurgico, c'è ancora la possibilità che la malattia di Peyronie ritorni se ci sono fattori di rischio, ereditarietà o una malattia autoimmune. Quindi, è importante consultare un medico per scoprire la soluzione migliore per la tua condizione.