Scarlattina, febbre nei bambini da cui fare attenzione

Hai avuto qualche esperienza con il tuo piccolo che ha la scarlattina? Questa febbre non è davvero bella come il suo nome, perché se non viene gestita correttamente causerà varie complicazioni.

La febbre è il meccanismo del corpo per combattere le infezioni. L'infezione può essere una distrazione dalla malattia o qualcos'altro. Ecco perché è necessario capire come gestire la febbre nei bambini. A casa, dovresti anche fornire un termometro per misurare la temperatura del bambino in modo più accurato.

Una cosa non meno importante è che devi conoscere alcune delle febbri che potrebbe provare il tuo bambino. Hai mai sentito parlare di scarlattina? Questa febbre è chiaramente diversa dalla febbre normale e questa febbre è contagiosa.

Cos'è la scarlattina e quali sono i sintomi?

La scarlattina, nota anche come scarlattina o anche nota come scarlatina, è una malattia causata dall'infezione da batteri dello streptococco beta emolitico di gruppo A. Questa malattia dà sintomi di febbre ed eruzione cutanea, quindi è spesso confusa perché ci sono molte altre malattie con febbre ed eruzione cutanea come morbillo, rosolia, dengue, roseola infantum, kawasaki o altri.

Tutti sono a rischio di scarlattina. Tuttavia, i più frequentemente colpiti dalla scarlattina sono i bambini dai 5 anni ai 18 anni. Di solito, questa malattia inizia con caratteristiche come febbre, mal di gola, vomito, mal di testa, debolezza e brividi.

Entro 12-24 ore, di solito appare un'eruzione cutanea caratteristica. L'eruzione cutanea che appare diventa pallida quando viene premuta. Questa eruzione cutanea apparirà prima sul collo, sul petto, quindi si diffonderà in tutto il corpo entro 24 ore. Pochi giorni dopo, l'eruzione cutanea scompare e la pelle del bambino sembra carta vetrata o ruvida, quindi diventa nera.

Nell'esame effettuato dal medico, il bambino che ha questa febbre, le sue tonsille appariranno ingrandite, rossastre e hanno anche trovato un'immagine bianca grigiastra. La lingua apparirà molto rossa e gonfia, questo è il segno distintivo della scarlattina. Non è una sorpresa che finalmente gli sia stato dato un nome lingua di fragola.

Distinguere la scarlattina dal morbillo

Sebbene all'inizio la scarlattina assomigli al morbillo, può essere distinta dal decorso della malattia. Ad esempio, il morbillo è sempre accompagnato da tosse, naso che cola, congiuntivite o infiammazione dell'occhio e l'esame del medico troverà macchie di Koplik.

Nel frattempo, nella scarlattina, un altro sintomo di accompagnamento è il mal di gola. A giudicare dall'eruzione cutanea, è anche diverso, nel morbillo l'eruzione cutanea apparirà dietro le orecchie, mentre la scarlattina apparirà sul collo.

Previeni la scarlattina in modo semplice

Per la prevenzione, ci sono diverse cose a cui devi prestare attenzione. Questo è come raccomandato dai Centers for Disease Control and Prevention, vale a dire mantenendo l'igiene ambientale e personale. Pertanto, tu come genitore devi presentare e familiarizzare i tuoi figli per fare le 4 cose seguenti.

  • Lavarsi le mani correttamente regolarmente
  • Evita di condividere bicchieri o posate con altre persone
  • Usa una maschera quando tuo figlio ha la tosse o il raffreddore
  • Insegnare ai bambini a coprirsi bocca e naso quando starnutiscono

La scarlattina non dovrebbe essere considerata una malattia "banale" perché può fornire varie complicazioni. A partire dall'ascesso tonsillare, dall'infezione del condotto uditivo medio, alla febbre reumatica nel cuore e alla glomerulonefrite acuta nei reni. La morte può verificarsi con questa grave complicazione.

Vertigini dopo essere diventato genitore?

Unisciti alla comunità dei genitori e trova le storie di altri genitori. Non sei solo!

‌ ‌