Emiartroplastica, procedura per sostituire l'articolazione dell'anca •

La chirurgia è una procedura comune per il trattamento di vari disturbi muscoloscheletrici, sia ossei che articolari. Tra le numerose procedure chirurgiche per l'apparato muscoloscheletrico, l'emiartroplastica è una di queste. Allora, sai cos'è l'emiartroplastica? In che modo i medici eseguono questa procedura? Ci sono rischi o complicazioni che si presenteranno?

Che cos'è emiartroplastica?

In base al nome, emi ha il significato di "metà", mentre artroplastica significa "sostituzione articolare". In altre parole, emiartroplastica indica una procedura per sostituire metà di un giunto. Per ulteriori dettagli, emiartroplastica è una procedura chirurgica per sostituire metà dell'articolazione dell'anca/dell'anca con una protesi o un'articolazione artificiale.

Come sai, le articolazioni sono il punto in cui due ossa si incontrano, il che ti rende più facile muoverti. Nell'anca / anca, l'articolazione è costituita dall'acetabolo (l'area dell'incavo che forma il bacino) e dalla parte superiore del femore (femore) che ha la forma di una palla o chiamata palla. testa del femore.

Sopra emiartroplastica, la procedura chirurgica sostituisce solo le parti testa del femore. La procedura che sostituisce l'intera articolazione dell'anca è chiamata intervento di sostituzione totale dell'anca.sostituzione totale dell'anca).

Chi ha bisogno di questa procedura chirurgica?

Generalmente, i medici raccomandano questa procedura per le persone con fratture o fratture dell'anca. Tuttavia, non tutti i pazienti con questo tipo di frattura riceveranno questo trattamento. Di solito, il medico esaminerà vari fattori, come l'età, le condizioni generali di salute e il livello di mobilità.

La procedura di sostituzione dell'anca viene solitamente eseguita quando l'osso testa del femore fratturato, ma l'acetabolo è intatto. Inoltre, questo trattamento viene spesso somministrato dai medici anche a pazienti anziani e con ridotta mobilità prima che si verifichi la frattura.

Tuttavia, non solo nei pazienti con fratture, a volte qualcuno che ha un danno all'anca dovuto all'artrite (artrite) ha bisogno di questo trattamento. Questo intervento mira ad alleviare il dolore e migliorare la mobilità o la capacità di movimento. Per informazioni più dettagliate, si prega di contattare il proprio medico.

Quali sono i preparativi prima di subire emiartroplastica?

Generalmente, le fratture sono una condizione di emergenza, quindi richiedono un trattamento immediato. Pertanto, il tempo per la preparazione prima dell'intervento è molto stretto. I pazienti sono generalmente già in ospedale prima di questa procedura di trattamento.

Tuttavia, in alcuni casi, l'intervento di emiartroplastica potrebbe non essere eseguito immediatamente dai medici. Se hai una condizione speciale che sta alla base della frattura, il medico potrebbe prima prescriverti un'altra forma di trattamento per curarla.

Tuttavia, in generale, sarà necessario digiunare per sei ore prima di eseguire questa operazione. Se stai assumendo determinati farmaci, potresti essere ancora in grado di prenderli alcune ore prima della procedura. Tuttavia, dovresti comunque assicurarti e seguire le istruzioni del medico in merito.

Come è la procedura di emiartroplastica?

Questa procedura utilizza generalmente l'anestesia generale. Ciò significa che ti addormenterai durante la procedura. Tuttavia, l'anestesia spinale o regionale può essere utilizzata dai medici. In questa forma di anestesia, le aree della parte inferiore del corpo saranno insensibili, ma rimarrai cosciente.

Dopo che ti sei addormentato o ti sei sentito insensibile, il chirurgo eseguirà un'incisione nella parte superiore della coscia. Quindi, il chirurgo rimuoverà la parte superiore del femore (testa del femore) danneggiato e sostituirlo con una protesi di aste metalliche. Questa barra di metallo fungerà da nuova articolazione dell'anca.

Quindi, l'estremità dell'asta metallica sferica sarà rivestita con un materiale speciale, in modo che possa aderire all'osso. Tuttavia, il chirurgo potrebbe non rivestire la punta. Tuttavia, la protesi deve essere realizzata con un materiale speciale in grado di mantenere l'osso in posizione.

Al termine, il medico chiuderà l'incisione con punti e una benda.

Cosa è successo dopo questa operazione?

Il trattamento per queste fratture dura generalmente due ore. Dopo l'intervento, l'infermiera ti trasferirà nella sala di risveglio per alcune ore dopo.

Se le tue condizioni tendono ad essere stabili, l'infermiera ti trasferirà nella stanza del ricovero. Tuttavia, in questa stanza di degenza, le infermiere continueranno a monitorare le tue condizioni, inclusa la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, la temperatura e a controllare la presenza di punti sull'anca.

Dopo aver subito un intervento di emiartroplastica, è molto normale che tu senta dolore ai punti. Ma non preoccuparti, questo dolore è generalmente solo temporaneo e il tuo medico può darti degli antidolorifici per curarlo.

Dopo aver subito questo intervento chirurgico, sarà generalmente necessario sottoporsi a riabilitazione o terapia fisica. Il terapista ti aiuterà a migliorare la tua mobilità e ti insegnerà a usare ausili per la deambulazione, come le stampelle.

Pochi giorni dopo il tuo ricovero, il tuo medico ti lascerà andare a casa. Tuttavia, dovrai comunque continuare la terapia fisica. Il terapeuta discuterà con te di questo programma di riabilitazione dopo il tuo ritorno a casa.

Inoltre, non è consentito riprendere le attività come di consueto. Discuti con il tuo medico quali attività puoi fare durante questo periodo di recupero e quando è il momento giusto per tornare alle tue normali attività. Il periodo di recupero può durare 6-12 settimane, a seconda delle condizioni di ciascun paziente.

Quali sono i rischi o le complicazioni che possono derivare dall'emiartroplastica?

Questa procedura può portare a vari rischi o complicazioni come di seguito.

  • Lussazione dell'articolazione dell'anca (rara).
  • Le ossa possono rompersi durante questa procedura di chirurgia sostitutiva dell'anca.
  • Differenza di lunghezza delle gambe.
  • Sanguinamento.
  • Infezione, con segni di arrossamento, gonfiore, febbre o secrezione di punti.
  • Danni ai nervi che possono causare intorpidimento o debolezza muscolare, come la caduta del piede.

Oltre a queste complicazioni, segnalate dal SSN, sei anche a rischio di diverse condizioni associate a ridotta mobilità o movimento dopo l'intervento chirurgico. Le seguenti sono possibili complicazioni:

  • coaguli di sangue (trombosi venosa profonda/TVP),
  • ulcera da pressione,
  • infezione polmonare, o
  • delirio o confusione.