Pangastrite, un tipo comune di gastrite cronica

Mai sentito parlare di pangastrite? Rispetto alla gastrite, la pangastrite può essere udita meno spesso. Considerando che la pangastrite è la complicanza più comune della gastrite cronica perché non viene trattata. Scopriamo quali sono le cause, i sintomi e come trattare questa malattia.

Conosci la pangastrite, un tipo di gastrite cronica

L'infiammazione può verificarsi in qualsiasi parte del corpo, compreso il rivestimento dello stomaco (mucosa). Generalmente, l'infiammazione si verifica a causa di un'infezione batterica, acido dello stomaco o altri composti prodotti in eccesso.

Inizialmente, l'acido dello stomaco serve per abbattere il cibo e proteggerti dalle infezioni. Tuttavia, poiché la quantità è più del necessario, questo acido danneggerà il rivestimento dello stomaco. Bene, l'infiammazione che si verifica nel rivestimento dello stomaco è anche conosciuta come gastrite.

In generale, la gastrite è divisa in due, vale a dire la gastrite acuta che si verifica improvvisamente e la gastrite cronica che si verifica a lungo termine. Uno dei tipi più comuni di gastrite cronica è la pangastrite.

A differenza della gastrite che attacca solo il rivestimento dello stomaco, questa malattia colpisce tutte le parti dello stomaco. A partire dal rivestimento dello stomaco, le ghiandole ossintiche nello stomaco, la parte superiore dell'utero di una donna (fondo), fino al fondo dello stomaco (antro).

Quali sono i sintomi della pangasrite?

I sintomi della pangastrite sono gli stessi della gastrite in generale, solo che il paziente è più grave. I sintomi che possono verificarsi includono:

  • mal di stomaco
  • flatulenza o sensazione di sazietà, soprattutto dopo aver mangiato
  • nausea e vomito
  • La diminuzione dell'appetito fa dimagrire

Chi è a rischio per questo?

La causa principale della pangasrite è l'infiammazione del rivestimento dello stomaco che continua a diffondersi a causa di un'infezione batterica o di uno stile di vita malsano.

Le persone che hanno problemi di stomaco hanno un rischio maggiore di sviluppare pangastrite e alcune altre condizioni o abitudini, come:

  • Uso prolungato o eccessivo di antidolorifici (antidolorifici)
  • Bevi troppo alcol
  • Sperimentare un grave stress o altre malattie mentali che possono influenzare gli ormoni e il sistema digestivo
  • Avere una malattia autoimmune che attacca le cellule parietali nello stomaco

Come trattare la pangastrite?

Esistono vari modi per trattare la pangastrite che i medici generalmente raccomandano, come ad esempio:

Farmaci da prescrizione

Il trattamento della pangastrite deve essere adattato alla causa dell'infiammazione che si verifica nel rivestimento dello stomaco. Se causato da batteri h. pilori, il trattamento si concentrerà sull'arresto della crescita dei batteri per 10-14 giorni. Alcuni farmaci che possono essere prescritti sono gli antibiotici amoxicillina, tetraciclina, ranitidina o un inibitore della pompa protonica (PPI).

Nel frattempo, per ridurre l'eccessiva acidità di stomaco, alcuni farmaci comunemente usati sono antiacidi, anti-H2, Prilosec e Prevacid (un tipo di PPI comunemente usato). L'uso di questi farmaci deve essere conforme alla prescrizione del medico.

Mantieni la dieta

La pangastrite causa spesso carenze nutrizionali perché il paziente non ha appetito e lo stomaco non può funzionare in modo ottimale. Generalmente, i pazienti sono carenti di vitamina B12 e ferro, quindi sono molto suscettibili all'anemia. Ecco perché devi soddisfare il più possibile il fabbisogno di questi due nutrienti.

Anche così, la dieta deve essere considerata anche per ridurre l'irritazione che si verifica nello stomaco. I pazienti dovrebbero aumentare il consumo di frutta e verdura e cibi a basso contenuto di grassi. Evita cibi e bevande che contengono alcol, caffeina, soda, grassi, troppo acidi e sapori speziati.

Mantieni l'equilibrio dei batteri buoni nell'intestino mangiando cibi probiotici, come lo yogurt. Espandi il consumo di alimenti che possono ridurre l'infiammazione, ovvero quelli contenenti antiossidanti, amminoacidi e acidi grassi omega 3.